img musica astronCos‘hanno in comune astronomia e musica? Possono comunicare tra loro? L’attività di alcuni scienziati sembra confermarlo: Galileo Galilei, per esempio, si occupò anche di musica nelle sue ricerche e Keplero, partendo dalle intuizioni dei filosofi del passato (Pitagora e Censorino), ipotizzò l’esistenza di una relazione musicale fra le orbite dei pianeti, descritta nel suo "Harmonices Mundi".
Sono numerosi i riferimenti astronomici nelle composizioni musicali (si pensi per esempio all'opera di Gustav Holst) e non sembra un caso il fatto che i nomi delle note siano 7 (come i "pianeti" noti agli antichi) e che 12 siano i semitoni in un’ottava musicale (come i mesi dell'anno o i segni zodiacali).
Durante gli incontri si mostrerà come il passaggio dall'astronomia alla musica e viceversa avvenga in modo fluido e naturale (per esempio portando l’attenzione sul ritmo e sulle armonie originate dal moto planetario).

PROGRAMMA MUSICALE

  • I rapporti matematici degli intervalli musicali
  • Analogie tra il sistema musicale e quello astrologico
  • Distanza dei suoni - correlazione note musicali e pianeti
  • Tonalità e Colore
  • Ritmo
  • L' armonia delle note musicali in rapporto vibrazioni macrocosmiche dei corpi celesti. - Pitagora.
    Esempi: come le caratteristiche degli Autori si associno alla qualità della loro produzione musicale.
  • La definizione, con Bach, delle analogie tra suoni e segni 12 suoni - 12 segni zodiacali
  • Armonia
  • Melodia
  • Ritmo
  • Battuta
  • Cicli

Partendo da un approccio verso la conoscenza caratterizzato dalla ricerca di un sapere unitario, proprio della filosofia della natura (tra i cui esponenti ricordiamo da Tolomeo, Al Biruni, Al Kindi, Galileo, Keplero, Cardano…) proporremo e forniremo gli strumenti necessari al fine dell’osservazione del cielo, della comprensione dei suoi moti e dei principali fenomeni celesti dalle eclissi alle fasi eliache.
La caratteristica di fondo di questo progetto consiste nel favorire l'integrazione dell’offerta formativa scolastica con contenuti presentati in un’ottica multidisciplinare, teorica e pratica. Qui di seguito, la descrizione dei contenuti dei singoli moduli.

Immagine1 progetto

La filosofia della natura, dai Sumeri ai giorni nostri

Settembre 15, 2019 CORSO FG1, 2019-20: Approccio multidisciplinare allo studio del cosmo Amministratore
Agli antichi Sumeri può essere storicamente attribuito il primo approccio verso la conoscenza (poi ripreso dai Babilonesi) caratterizzato dalla ricerca di un sapere unitario, in grado di operare come interfaccia di collegamento tra tutti i rami dello scibile…
img reg orari

Regimi orari e sistemi di coordinate

Settembre 15, 2019 CORSO FG1, 2019-20: Approccio multidisciplinare allo studio del cosmo Amministratore
I sistemi di misurazione del tempo sono sempre stati associati a fenomeni osservabili di carattere astronomico, come mostrato dal calendario babilonese soli-lunare, da quello elaborato dai Maya o dai sistemi Giuliano e Gregoriano.Partendo dal calendario…

img reg orariI sistemi di misurazione del tempo sono sempre stati associati a fenomeni osservabili di carattere astronomico, come mostrato dal calendario babilonese soli-lunare, da quello elaborato dai Maya o dai sistemi Giuliano e Gregoriano.
Partendo dal calendario attualmente in uso vengono quindi definiti i concetti di ora locale e ora civile, parallelamente alla presentazione e alla descrizione dei sistemi di coordinate geografiche e astronomiche.

Programma delle attività:

• Descrizione del ciclo luminoso diurno e di quello stagionale alle diverse latitudini geografiche;
• i calendari e i sistemi di misurazione del tempo: i calendari Maya, quello Giuliano e quello Gregoriano;
• differenza tra ora locale e ora civile; i fusi orari e la loro introduzione in tempi differenti;
• le coordinate geografiche (longitudine e latitudine)
• le coordinate astronomiche: i sistemi eclitticale, equatoriale e altoazimutale.

img propedGli incontri dedicati ai protagonisti del cielo sono finalizzati alla descrizione del sistema solare, delle stelle e delle costellazioni. Nel corso dei due appuntamenti vengono inoltre descritti il moto diurno, zodiacale e quello precessionale, i cicli di visibilità degli astri e i loro differenti periodi. due incontri dedicati ai protagonisti del cielo sono finalizzati alla descrizione del sistema solare, delle stelle e delle costellazioni. Nel corso dei due appuntamenti vengono inoltre descritti il moto diurno, zodiacale e quello precessionale, i cicli di visibilità degli astri e i loro differenti periodi.

Programma:

• Descrizione del sistema solare e delle relazioni tra le orbite planetarie;
• i cicli dell’attività solare;
• i modelli descrittivi del passato: eccentrico ed epiciclo;
• periodi sinodico e siderale;
• le fasi eliache di stelle e pianeti, prima e ultima visibilità degli astri.coordinate geografiche (longitudine e latitudine).

Immagine1 progettoAgli antichi Sumeri può essere storicamente attribuito il primo approccio verso la conoscenza (poi ripreso dai Babilonesi) caratterizzato dalla ricerca di un sapere unitario, in grado di operare come interfaccia di collegamento tra tutti i rami dello scibile umano.
Secondo la loro visione del mondo la dimensione divina non è trascendente, ma si manifesta nella Natura stessa; l’esistenza di una relazione nascosta tra parti dell’universo distanti tra loro, che viene postulata oggi anche nel mondo scientifico (dalla fisica quantistica, per esempio), pone sotto una luce diversa la prospettiva degli antichi sapienti e interpreti sulla relazione tra micro e macrocosmo, aprendo contemporaneamente nuovi orizzonti di ricerca.

Programma delle attività

• Presentazione del percorso;
• descrizione del materiale reperibile gratuitamente online: software open source e altro materiale (software stellarium, eclipse, planetary and lunar visibility);
• excursus storico sulle cosmologie (dai Sumeri ai giorni nostri);
• approfondimento dedicato alla figura di Johannes Kepler, scopritore per via empirica delle leggi che regolano il movimento dei pianeti e che fu non solo astronomo ma anche astrologo, matematico, cosmologo, teorico musicale, filosofo della natura e teologo.

Sottocategorie